Log in
A+ A A-

Assomusica

Website URL:

ESPOSTO ASSOMUSICA AD AGCOM: “PUNITE I SITI DI SECONDARY TICKETING”

ESPOSTO ASSOMUSICA AD AGCOM

“PUNITE I SITI DI SECONDARY TICKETING”

L’associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo chiede all’autorità garante per le comunicazioni di applicare la legge contro il bagarinaggio e segnala un elenco di biglietti a prezzi maggiorati rintracciati  sui siti Viagogo, StubHub e MyWayTicket

 


Assomusica
, l'associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, ha presentato un esposto denuncia all'autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) e all’Antitrust (AGCM) per chiedere di sanzionare i siti di secondary ticketing. L'associazione, alla quale aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l'80% dei concerti in Italia, ha segnalato all'AGCOM, allegando una serie di documenti, le maggiorazioni fino a 15 volte e oltre dei prezzi ufficiali dei biglietti sui siti "Viagogo", "StubHub" e "MyWayTicket” per alcuni concerti come ad esempio i tour di Jovanotti, di Laura Pausini e Biagio Antonacci, piuttosto che per i concerti di Elisa, The Giornalisti e Jack Savoretti. 


«Chiediamo all'autorità a cui vengono attribuiti i poteri di controllo» - spiega il Presidente di AssomusicaVincenzo Spera- «di fare applicare la legge contro il secondary ticketing (legge n. 232 dell’11 dicembre 2016) e in particolare il comma 545 che prevede sanzioni pecuniarie da 5000 a 180 mila euro per quanti illecitamente fanno lievitare i prezzi dei biglietti a discapito dei consumatori finali. La soluzione individuata dal Governo del biglietto nominativo nel settore della musica live» – prosegue Spera- «riteniamo che oltre a non essere necessaria, comporterà danni certi agli operatori del settore, sia per i maggiori costi da sostenere per i servizi di controllo, sia per l'enorme allungamento dei tempi di afflusso agli eventi e sia per la perdita di tutte quelle forme di prenotazione, promozione e regalo di biglietti, non più consentite allo spettatore, che comporteranno una sicura contrazione delle vendite».


Assomusica – si legge nell’esposto inviato all’AGCOM e per conoscenza all’Antitrust (AGCM) - nella sua veste di associazione di categoria considera quali primari valori da proteggere, nel contesto della propria attività e a tutela di propri associati e del mercato in cui essi operano, sia il diritto dei consumatori a poter accedere nel massimo numero possibile agli eventi organizzati pagando (solo) il prezzo ufficiale fissato dallo stesso organizzatore, sia il diritto degli artisti a non vedere alimentato attorno alla propria performance un mercato parallelo e opaco di compravendita di titoli di ingresso a prezzi spesso maggiorati di molte volte rispetto al prezzo ufficiale.


Nell’esposto denuncia Assomusica segnala ad AGCOM che per il tour “Jova Beach Party” di Jovanotti a fronte di un biglietto con posto unico fissato a 52 euro per la data del 28 agosto a Lignano Sabbiadoro, su Viagogo si può arrivare a fino a 300 euro, cioè 6 volte in più (+500%). Per altre date (ad esempio 6 e 27 luglio 2019) su MyWayTicket si può arrivare a 402 euro ma su StubHub si toccano anche i 960 euro (+ 1750%). Per il concerto di Elisai biglietti ufficiali, che vanno da 31 a 80 euro, su Viagogo toccano anche i 395 euro (+ 390%). Per il tour di Laura Pausini e Biagio Antonaccii prezzi stabiliti partono da 35 euro fino a 70 euro ma su StubHub possono arrivare a 265 euro (+230%). Situazione analoga (+260%) per il concerto del gruppo The Giornalisti: i biglietti fissati fra 30 e 70 euro StubHub li propone anche a 265 euro. C’è, infine, Jack Savoretti, che da 30 euro, sempre su StubHub, vengono venduti a 144 euro (+380%). 


«Avevamo confidato» – scrive fra l’altro nell’esposto Assomusica- «che l'illegittimo mercato parallelo dei titoli di ingresso trovasse finalmente freno e sanzione per effetto dell'applicazione nel nuovo quadro normativo volto a rimuovere la diffusa illegalità di comportamento degli operatori del mercato secondario, ma dobbiamo, però, rilevare che la normativa introdotta dal Comma 545 è sostanzialmente rimasta, ad oggi, "lettera morta". Da tempo, infatti, Assomusica, direttamente o per il tramite dei propri associati, sta monitorando i siti dei più noti operatori di "secondary ticketing", rilevando come sugli stessi continuino ad apparire offerte di vendita di titoli di ingresso largamente superiori al valore nominale dei titoli offerti in vendita».


Per ulteriori informazioni
Sec Spa– via F. Aporti, 8 – 20125 Milano - t. 02 624999.1 
Angelo Vitale – vitale@secrp.com– 338 6907474
Elena Castellini – castellini@secrp.com– 335 6271787

Daniele Mignardi Promopressagency  
Via Giovanni Nicotera, 29 - Roma
info@danielemignardi.it- Tel. 06.32651758
Rif. Desirée Corradetti – Tel. 3405324723

Convegno Le agevolazioni IVA nel settore artistico - 10 maggio, Palazzo Reale, Milano

LE AGEVOLAZIONI IVA NEL SETTORE ARTISTICO a seguito delle modifiche normative intervenute con la legge di stabilità 2018. Ne parleremo il 10 maggio a Milano con Agenzia delle Entrate ed altri professionisti del settore.
I posti sono limitati! Registrati qui per partecipare https://docs.google.com/…/1FAIpQLSf_WxbQ6EnqvtPg7N…/viewform

L'evento è in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, AGIS, Agenzia delle Entrate, Studio PC&A - P. Centore & Associati e Studio Magnani Marongiu Dominici & Associati


AGENDA

h. 09.30 – 10.00  Registrazione partecipanti e welcome coffee

h. 10.00 – 10.15  Presentazionee saluti – Carlo Fontana

h. 10.15 – 10.45  Inquadramento della tematica IVA nel settore artistico - Vincenzo Spera

h. 10.45 – 11.30  Il contenuto della circolare n. 20/E del 21 dicembre 2018 in riferimento alle modifiche normative   intervenute con L. Stabilità 2018 - Domenico Bitonti

h. 11.30 – 12.15  Inquadramento delle norme euro – unionalidi riferimento - Paolo Centore

h. 12.15 – 13.00   Effetti dell’intervento normativo ed interpretativo nel settore artistico - Remo Dominici

h. 13.00 – 13.30  Dibattito e conclusioni                                    

h. 13.30 – 14.00  Light lunch

NIMPE PARTNERS MEET IN MANCHESTER TO ATTEND “EUROPEAN FUTURES” A CLOSING EVENT OF THE 2,5 YEAR PROGRAMME

Time has come to meet for the last meeting of the 2,5 year programme of the Creative Europe project NIMPE. While all partners are preparing their national dissemination activities, our UK partners Root Music , Band on the wall and Brighter Sound have organised a series of events and the closing event “European Futures” 

In these turbulent and ever changing times what does the future hold for musicians, music businesses and arts organisations working in Europe?

European Futures is a free afternoon of discussion, networking and live music, exploring the value and future direction of creative european collaborations and the very latest news regarding funding from Creative Europe.

Aimed at musicians and creative organisations interested in working in Europe, you’ll hear about some successful and exciting projects, the latest news regarding Creative Europe project funding and be able to ask questions about the future of EU relations for musicians, music businesses and arts organisations.

 

Hear from and talk to a range of speakers and organisations including:

  • Vincenzo Spera (Assomusica President and European Live Music Association President)
  • Representatives from the Network for the Internationalization of Music Producers in Europe (NIMPE) from France, Italy, Greece, Denmark, Slovenia and UK
  • Kelly Wood (Live Performance Official, Musicians Union)
  • Christopher Jankowski (British Council)

 See more on brightersound.com

 

 

PARTITE LE ISCRIZIONI GRATUITE AL “CALABRIA FEST - TUTTA ITALIANA”

PARTITE LE ISCRIZIONI GRATUITE AL “CALABRIA FEST - TUTTA ITALIANA”

Festival della Nuova Musica Italiana in collaborazione con Rai Radio Tutta Italiana

 

Sono partite e potranno proseguire fino al possimo 24 aprile le iscrizioni al “Calabria Fest – Tutta Italiana”, Festival della Nuova Musica Italiana, in partnership con Rai Radio Tutta Italiana, che si svolgerà dal 6 all’8 giugno sul maestoso Corso Numistrano di Lamezia Terme, al centro della Calabria, nel cuore dell’accogliente e suggestivo centro storico, tra Piazza della Cattedrale e il Complesso di San Domenico. 

L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale Art-Music&Co, direttore artistico Ruggero Pegna, in collaborazione con l’ Assessorato alla Cultura della Regione Calabria, nel quadro dei “Grandi Festival Storicizzati” per la Valorizzazione del Sistema dei Beni Culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria. L’evento ha il Patrocinio del Comune di Lamezia Terme e della Provincia di Catanzaro.

Gianmaurizio Foderaro, nome storico di Radio Rai e responsabile diRadio Tutta Italiana, che condurrà l’evento e presiederà la giuria qualificata, ha reso noto il regolamento del Festival attraverso la pagina facebook ufficiale della nuova rete Rai dedicata alla Musica Italiana.

Il “Calabria Fest” intende selezionare ogni anno sul territorio nazionale, mediante la partnership con Radio Rai Tutta Italiana, 8 tra artisti e band di età compresa tra i 17 e i 28 anni, per la partecipazione alla finale nazionale dei giorni 6, 7, 8 giugno 2019 a Lamezia Terme, al fine di assegnare il “Calabria Fest Music Award” alla Migliore Nuova Proposta dell’anno, attraverso  il voto di una giuria qualificata di giornalisti ed esperti nella prima fase e, nella seconda, dello stesso pubblico, attraverso la pagina facebook di Radio Tutta Italiana, la nuova rete Rai che si avvale dei più moderni e tecnologici sistemi di trasmissione. 


A partire dal 18 marzo e fino al 24 aprile 2019, gli interessati devono inviare una mail a radiotuttaitaliana@rai.it e asscult.artmusic@gmail.com  allegando una breve scheda di presentazione con indicazione di tutti i componenti (nome, cognome, mail, esperienze lavorative, presentazione e descrizione dei brani scelti per la selezione), due fotografie, link di 2 brani inediti,  eventuali link di pagina social o web, recapiti telefonici e mail. Le iscrizioni e la partecipazione sono assolutamente gratuite.

La giuria qualificata selezionerà 20 tra i candidati pervenuti, per ciascuno dei quali sarà postato sulla pagina facebook di Radio Rai Tutta Italianauno dei due brani, a scelta della stessa giuria. 

Dal 3 al 15 maggio 2019, il pubblico potrà votare il brano preferito attraverso un semplice “like”.

Gli 8 Artisti/Band che riceveranno più like accederanno alla fase finale di Lamezia Terme, dove si esibiranno dal vivo, suddivisi nelle due semifinali del 6 e 7 giugno, con l’esecuzione di 2 brani a testa. Alla finalissima di sabato 8 giugno avranno accesso i primi due classificati di ciascuna semifinale. Ogni serata sarà conclusa dall’esibizione di super ospiti della musica italiana.  


Al termine della fase di selezione, saranno resi noti i nomi dei finalisti e dei super ospiti delle tre serate. Per tutte le informazioni, oltre alle mail già indicate, sarà possibile contattare direttamente la segreteria organizzativa al numero telefonico 0968441888,oppure consultare le pagine facebook di Radio Rai Tutta Italianae dell’associazione Art-Music&Co.   

Concerti dal vivo, Assomusica: con biglietti nominativi rincari e disagi per il pubblico

L’Associazione denuncia i disagi che porterà la norma approvata nell’ultima legge di bilancio del Governo e che entrerà in vigore dal 1° luglio.

 

"Siamo contrari a ogni forma di bagarinaggio ma i consumatori devono sapere che con l'introduzione dal 1° luglio del biglietto nominativo per i concerti dal vivo, i costi dei biglietti aumenteranno, cambiare il nome dell’utilizzatore non sarà una procedura veloce e si creeranno più code agli ingressi per i controlli”. Lo afferma Vincenzo Spera, presidente di Assomusica, l'associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, alla quale aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l'80% dei concerti in Italia. 

“Quest’emendamento approvato nell’ultima legge di bilancio del Governo come strumento di contrasto al fenomeno del secondary ticketing – sostiene Spera - rischia di generare soltanto un grande caos. Per attuare i necessari controlli, gli organizzatori dovranno aprire i cancelli molto tempo prima, impegnando più personale su più turni. Questi costi saranno pagati dai cittadini che acquisteranno il biglietto, aumenteranno code e tempi di attesa, specie in occasione di grandi manifestazioni. I consumatori non potranno più regalare un biglietto a un familiare, amico o parente. Le procedure per il cambio del nominativo non saranno semplici e immediate e potranno comportare ulteriori costi. In questo scenario rischiamo di perdere anche i grandi gruppi organizzati”.

“Assomusica – prosegue la nota - è da sempre sensibile al tema della legalità e si è già adoperata per limitare il fenomeno del 'bagarinaggio online' proponendo, in altre occasioni, misure ritenute idonee a superare questo annoso problema per la filiera. Anzitutto si possono chiudere tutti i siti di rivendita dei biglietti o si possono utilizzare delle app che consentono di tracciare l’eventuale passaggio di mano dei biglietti già emessi. Pur condividendo l’obiettivo che la legge si prefigge, riteniamo che le misure disposte, invece di perseguire l’attività criminosa di alcuni soggetti e/o imprese che sono la causa del fenomeno e che su di esso lucrano ingentemente, colpiscano fortemente i consumatori e gli organizzatori di spettacoli dal vivo, comportando ricadute negative, certe, sull’intero settore”.

“Il settore della musica live – spiega Vincenzo Spera - rappresenta una filiera di circa 1000 imprese che dà lavoro a oltre 36.000 persone, impiegate direttamente nel settore. L’anno scorso il comparto ha avvicinato al mondo degli spettacoli e della cultura popolare quasi 10 milioni di spettatori, specialmente giovani. Gli spettacoli di musica dal vivo creano valore a livello locale e costituiscono una cinghia di trasmissione per lo sviluppo del Made in Italy (turismo, enogastronomia, cultura ecc.). Da una ricerca di Cerved si evince come i concerti di musica popolare contemporanea siano uno stimolo per l’economia del territorio: la ricaduta minima sulle città è di 1,20 € aggiuntivi per ogni euro speso sul biglietto - pertanto, pur nella comprensione dell'obiettivo della proposta, riteniamo ingiustificato colpire un settore florido dell'industria culturale.”

Assomusica auspica “che si ponga rimedio alle contraddizioni e alle conseguenze negative del provvedimento senza danneggiare chi produce cultura, emozioni e ricchezza per i territori”.

EUROPEAN PARLIAMENT GREENLIGHTS CREATIVE EUROPE PROGRAMME

Assomusica, Italian association of organisers and producers of live shows, and ELMA, European Live Music Association, express satisfaction for approval with a vast majority by the European Parliament of the Creative Europe Programme, which will double the funds to support the cultural sector, including live music shows. The adoption by the plenary of the European Parliament represents a major milestone in the path towards valorization of live music.

President of Assomusica Vincenzo Spera declared: “Finally live music has been recognised as an asset for the European cultural and creative sectors.”

Thanks to the engagement of Assomusica new funding instruments will be made available for live music shows. According to the Parliament’s report “Music, in all its forms and expressions, and in particular contemporary and live music, is an important component of the cultural, artistic and economic heritage of the Union. It is an element of social cohesion, multicultural integration and youth socialisation and it serves as a key instrument to enhance culture, including cultural tourism. The music sector should therefore be a particular focus of the specific actions (…) in terms of financial distribution and targeted actions. Tailor-made calls and instruments should help boost the competitiveness of the music sector and address some of the specific challenges it faces.”

Among the objectives of the programme the Parliament specified the “support to the music sector: promoting diversity, creativity and innovation in the field of music, in particular live music sector, also through networking, the distribution and promotion of a diverse European musical works (…), training, participation in and access to, music, audience development, the visibility and recognition of creators, promoters and artists, in particular young and emerging ones”. Therefore, the European Commission cannot fail to issue calls for projects related to this objective.

President Vincenzo Spera concluded: “It is our hope that Member States Government will not miss the opportunities granted by the new Programme”

PARLAMENTO EU: VIA LIBERA AL PROGRAMMA EUROPA CREATIVA

ASSOMUSICA ED ELMA
"Un importante risultato verso la valorizzazione della musica dal vivo"


Giovedì 28 marzo - 
Il Parlamento Europeo ha votato per raddoppiare il bilancio 2021-2027 del programma Europa Creativa, per una migliore circolazione internazionale delle opere e mobilità degli artisti. Il testo è stato approvato oggi in plenaria con 501 voti a favore, 51 contrari e 42 astensioni.


Assomusica
, l’Associazione Italiana degli Organizzatori e Produttori di Spettacoli di Musica dal Vivo, ed ELMA, European Live Music Association, esprimono soddisfazione e compiacimento per questo primo e importante risultato nel percorso verso la valorizzazione del settore della musica dal vivo.

“Finalmente – dichiara Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica – la musica dal vivo è stata riconosciuta come un asset importante dell’industria culturale e creativa europea”.


Grazie anche all’impegno di Assomusica, saranno messi a disposizione nuovi strumenti di finanziamento e supporto per gli spettacoli live. Secondo la relazione del Parlamento “la musica, in tutte le sue forme ed espressioni, e in particolare la musica contemporanea e dal vivo, è una componente essenziale del patrimonio culturale, artistico ed economico dell'Unione. È un elemento di coesione sociale, integrazione multiculturale e socializzazione giovanile e funge da strumento essenziale per valorizzare la cultura, compreso il turismo culturale. Il settore musicale dovrebbe pertanto costituire un punto focale (...) in termini di distribuzione finanziaria e di azioni mirate. Inviti e strumenti su misura dovrebbero contribuire a stimolare la competitività del settore musicale e ad affrontare alcune delle sfide specifiche che lo riguardano.”


Tra gli obiettivi specifici del nuovo programma, il Parlamento Europeo include il “sostegno al settore della musica: promozione della diversità, della creatività e dell'innovazione nel settore della musica, in particolare nel settore della musica dal vivo, anche attraverso la creazione di reti, della distribuzione e della promozione di un repertorio e di opere musicali (...), della formazione, della partecipazione e dell'accesso alla musica, dell'allargamento e della diversificazione del pubblico, della visibilità e del riconoscimento dei creatori, dei promotori e degli artisti, in particolare giovani ed emergenti”. 


“Auspichiamo
 - continua il Presidente di Assomusica - che i Governi nazionali non esitino nel cogliere le opportunità garantite dal nuovo Programma”.


Comunicazione “Assomusica”: Daniele Mignardi Promopressagency
info@danielemignardi.it- Tel. 06.32651758

PRG Live Entertainment Award 2019 - follow event live streaming on April 1, 2019

The PRG Live Entertainment Award 2019 will be presented on the 1 April 2019 in the Festhalle Frankfurt.
 
This event is unparalleled in Europe and the almost 1,400 invited guests represent a cross section of the event industry. In 14 categories, concert promoters, agencies, artists’ managers and venue operators, in some cases with the stage artists, will be honoured for successful tours, shows, festivals and individual events and outstandingly managed locations.
 
All renowned personalities from the sector will be there.
 
The PRG LEA (Live Entertainment Award) is the official opening event of Prolight + Sound and Musikmesse 2019
 
Follow event live streaming on https://airtango.live/entertainment/
 

 

Creative Europe Conference in Rome: BDKV Encourages a European ‘Think Tank’ for the events industry

On 15 March a high-level conference was held in Rome to discuss the funding programme for the EU’s ‘2021-2027 Creative Europe’. This programme has several aims, including the following: to preserve, to develop and to promote diversity and the European cultural patrimony, and to reinforce the competitiveness of the cultural and creative sectors. Thanks to the diligence of the European Live Music Association (ELMA), the promotion of the live-music sector, and thus also of the organisers of live-music events, was expressly included in the relative decision proposal presented to the European Parliament by the Commission. The present budget for the programme is 1.46 billion euro. Currently, the associations of the cultural sector – above all ELMA – are campaigning to convince the Commission to raise the next budget to 2.8 billion euro, and to make more funds available than have so far been made available to the cultural sector in particular.

The participants in the conference included, among others, Silvia Costa, Member of the European Parliament and rapporteur to the European Parliament and to the Commission for the culture of the EU, Barbara Gessler, Head of Unit Creative Europe, the President of Assomusica and ELMA Vincenzo Speraand the President of the BDKV (Federal Association of the Concert and Event Industry) and Vice-President of ELMA Prof. Jens Michow.

In conclusion, the participants in the conference agreed that music in all its aspects – but, above all, contemporary live music – represents an essential component of artistic, cultural and economic diversity.

Over the course of the conference, Prof. Michow suggested the creation of a European Think Tank for the music industry. ‘A portion of EU subsidies is continually wasted in costs such as, for example in Germany, the payment of pension contributions of the artists on fees paid by the national organisers for foreign events and by foreign organisers on the fees paid in Germany and disputable taxes such as that which was recently introduced into businesses, to be applied on the rents for rooms on the part of organisers, not to speak of added costs for legal fees and tax advice, so that one can find one’s way in the legal jungle. It is a question therefore of urgently discussing the optimisation and harmonisation of the legal framework’, notes Prof. Michow. In his opinion, each European country has similar particularities, which differ notably from country to country and render an increased mobility on the part of artists, such as is hoped for by European cultural promotion, decidedly difficult. ‘In their activities within the member states, artists and their organisers find themselves confronting a variety of rules and legal systems, and not rarely end up in extremely expensive pitfalls’, concludes the president of the association.

For further information, contact: 
Bundesverband der Konzert- und Veranstaltungswirtschaft (BDKV) i.G. 
Lenhartzstraße 15 – 20249 Amburgo, Germania 
Telephone 040-460 50 28 – Fax 040-48 44 44 43 
www.bdkv.de• info@bdkv.de

 

Subscribe to this RSS feed