Log in

 facebook 

A+ A A-

Assomusica

Website URL:

Nessun illecito di Live Nation sui biglietti degli U2

La vicenda dopo il caso di secondary ticketing relativo ai due concerti a Roma degli U2La pronuncia del Tribunale di Roma viene aspramente criticata dal Codacons

Non ci fu nessun illecito nella vendita dei biglietti per gli show degli U2 il 15 e 16 luglio scorsi a Roma. Lo annuncia Live Nation, la società organizzatrice dei due concerti, citando l’ordinanza pubblicata ieri dal Tribunale di Roma a seguito del reclamo promosso dalla stessa Live Nation contro il ricorso d’urgenza della Siae. Siae, dopo il rapido esaurimento dei biglietti online, aveva sollevato un caso di secondary ticketing (ovvero bagarinaggio via web) e ottenuto un’ordinanza a suo favore che ora, dice Live Nation, viene revocata «definitivamente».

«Il rapido esaurimento dei biglietti nel canale ufficiale di vendita online e la loro immediata disponibilità sui siti di reticketing non sono ascrivibili ad un presunto comportamento illecito di Live Nation bensì “al fatto, del tutto evidente, che ai prezzi di vendita ufficiali la domanda di acquisto è ampiamente eccedente l’offerta disponibile”», spiega la società in una nota. «Il Tribunale di Roma — si legge ancora — ha precisato che “è del tutto verosimile sia che gli appassionati procedano in massa all’acquisto al momento dell’apertura della vendita sia che anche i semplici consumatori possano acquistare più biglietti di quelli che sono intenzionati ad utilizzare, contando sulla facilità di una rivendita a prezzo maggiorato”». Il tribunale, inoltre, sottolinea che il numero di biglietti finiti online risulta «tutt’altro che significativo rispetto alle dimensioni degli eventi, due concerti per complessivi 110.000 posti».

La pronuncia del Tribunale di Roma non piace però al Codacons: «Sul fenomeno del secondary ticketing il tribunale va nella direzione opposta rispetto ad Antitrust e procura di Milano — spiega l’associazione —. Infatti sia l’Autorità per la concorrenza sia i pm milanesi hanno pienamente accolto le denunce del Codacons, la prima elevando una sanzione da 1,7 milioni di euro agli operatori, i secondi chiedendo il rinvio a giudizio per nove indagati, tra persone fisiche e società, per irregolarità nella vendita online dei biglietti di concerti». Rischiano il processo per i reati di aggiotaggio e di truffa, fra gli altri, Roberto De Luca e Antonella Lodi di Live Nation Italia e Live Nation 2, Corrado Rizzato, ex amministratore di Vivo, Domenico d’Alessandro di Di.Gi. Il Codacons confida dunque «nel procedimento aperto a Milano per vedere finalmente riconosciuti i diritti dei consumatori». La questione interessa meno gli U2: il prossimo tour europeo partirà da Berlino e farà tappa a Milano l’11 e 12 ottobre.

fonte: Il Corriere della Sera

18 APP: PERCHE' AIUTARE I GIOVANI

 

In seguito al grave attentato del Bataclan, il Governo Renzi decise che l'Occidente non poteva "contrastare" il terrorismo solo con le armi, ma anche con le armi della cultura, per evitare che a causa del "terrore" i giovani non uscissero più di casa. Il bonus 18enni è stato uno degli strumenti messi in campo a tale scopo e per arricchire il percorso formativo ed umano delle giovani generazioni. Partendo dalla presentazione dei dati, si avvierà una riflessione sui risultati ottenuti nel campo della produzione culturale, attraverso l'intervento degli operatori del settore e delle parti politiche. Sarà dato anche spazio alle esperienze dei giovani.
 
Host: Francesco Prisco - Journalist Il Sole 24 ore
Speakers:
Vincenzo Spera – Assomusica President
Paolo Masini - Special Advisor of the Minister of Cultural Heritage 
Pietro Liuzzi - Member of Italian Senate, Education Committee (Gruppo Misto Party)
Roberto Rampi – Member of Italian Chamber of Deputies, Culture Committee (PD Party)
Stefano Lionetti - CEO TicketOne (5 minuti di presentazione)
Alberto Fumagalli - CEO & Founder Nameless Music Festival (5 minuti di presentazione)
Riccardo Castagnasso – Student

 

 

https://youtu.be/tAcooaSzRvQ

Manovra, Spera (Assomusica): "Enorme soddisfazione" per Iva al 10% su prestazione artistica

“Accogliamo questa misura assolutamente con favore. Aspettavamo che la norma si chiarisse, fin dal 2007”.

Così il Presidente di Assomusica, Vincenzo Spera, commenta con AgCult la norma contenuta nella Manovra che porta al 10% l’Iva per gli “spettacoli teatrali di qualsiasi tipo, compresi opere liriche, balletto, prosa, operetta, commedia musicale, rivista; concerti vocali e strumentali; attività circensi e dello spettacolo viaggiante, spettacoli di burattini e marionette ovunque tenuti”, estendendo tali disposizioni anche alle “relative prestazioni, rese da intermediari”.
“La nostra soddisfazione – spiega Spera – è enorme. Abbiamo lavorato insieme a parlamentari, Ministri, affinché si arrivasse a una conclusione di questo percorso, con una nuova interpretazione della realtà. Ringraziamo il Governo che ha fatto propria questa norma e tutti quelli che ci hanno lavorato”.

“Tanti anni fa – ragiona Spera – la prestazione artistica era diversa da quella che abbiamo oggi. In passato c’era un cantante, un teatro d’opera, in cui già c’era regia e scenografia. Oggi è diverso, oggi i concerti sono degli spettacoli viaggianti in tutti i sensi, con impianti luci, scenografie, registi, tecnici del suono, tutto quello che arriva con l’artista. Era necessario portare il discorso all’attualità e uniformare l’Iva alla prestazione artistica nel suo complesso”.

“Molto spesso – aggiunge Spera – non è facile comprendere i problemi del nostro settore, tra quei pochi che però sono in crescita. Dove la legislazione aiuta e facilita il lavoro è più probabile che la crescita continui. A questo proposito non nascondo che anche la nuova legge sul codice dello spettacolo dal vivo, in procinto di approdo alla Camera, contiene elementi importanti per la definizione di regole e ruoli di questo settore. Anche qui è stato fatto un lavoro molto condiviso con chi ha scritto la legge, un lavoro elaborato anche sui territori, senza regole catapultate dall’alto”.

Fonte: http://agcult.it/2017/10/31/manovra-spera-assomusica-enorme-soddisfazione-iva-al-10-prestazione-artistica/

Premio Wind Music Awards 2017

 

 

WIND MUSIC AWARDS

ASSOMUSICA CONSEGNA IL PREMIO PER LA MUSICA LIVE

 

IL 5 E 6 GIUGNO IN PRIMA SERATA SU RAI 1

CONDUCONO CARLO CONTI E VANESSA INCONTRADA

GRANDI OSPITI INTERNAZIONALI

 

 

Leggi tutto

Assomusica commenta l’approvazione dell’emendamento Rampi sul secondary ticketing

"Assomusica apprende da fonti parlamentari che è stato appena approvato un importante emendamento a firma Rampi teso a sanzionare il fenomeno del bagarinaggio online (secondary ticketing).

Assomusica ha da tempo cercato di porre fine al fenomeno con un intervento al DL Fiscale a mezzo emendamento a firma degli Onn. Fanucci e Fiorio.

Ora, il Legislatore ha preso una posizione netta che permetterà di contrastare con decisione il fenomeno, anche attraverso sanzioni pecuniarie gravi per chi pratica questa attività.

A tal fine, Assomusica si rende fin da subito disponibile ad offrire il proprio contributo alla stesura delle regole tecniche attuative cui l’emendamento fa riferimento, che i Ministeri dell’Economia e Finanze, della Giustizia, Beni Culturali e Turismo dovranno emanare entro 30 gg. dall’entrata in vigore di detto decreto.

Un sentito ringraziamento agli Onn. Fanucci, Fiorio, Rampi e al Ministro Franceschini per esser voluti intervenire con decisione".

 

Il Presidente e il Consiglio Direttivo di Assomusica

 

Subscribe to this RSS feed