Log in
A+ A A-

Convegno Europa Creativa a Roma: BDKV stimola il “Think Tank” europeo dell’industria degli eventi

Il 15 marzo si è svolta a Roma una conferenza di alto livello per discutere il programma di finanziamento dell’UE “Europa Creativa 2021-2027”. Il programma ha, tra gli altri, i seguenti obiettivi: preservare, sviluppare e valorizzare la diversità e il patrimonio culturale europeo e rafforzare la competitività dei settori culturali e creativi. Grazie all’impegno della European Live Music Association (ELMA), nella relativa proposta di decisione presentata dalla Commissione al Parlamento Europeo è stata espressamente inclusa la promozione del settore della musica dal vivo e quindi anche degli organizzatori. L’attuale budget del programma è di 1,46 miliardi di euro. Attualmente, le associazioni del settore culturale – soprattutto l’ELMA – si stanno battendo affinché la Commissione aumenti il prossimo bilancio a 2,8 miliardi di euro e, in particolare per il settore culturale, vengano messi a disposizione più fondi di quanto non sia stato fatto fino ad oggi.

I partecipanti alla conferenza di Roma erano, tra gli altri, Silvia Costa, membro del Parlamento Europeo e relatrice in seno alla Commissione per la cultura dell’UE e al Parlamento Europeo, Barbara Gessler, capo unità Europa Creativa, il Presidente di Assomusica ed ELMA Vincenzo Spera e il Presidente della BDKV(Associazione federale dell’industria dei concerti e degli eventi) e Vice Presidente di ELMA Prof. Jens Michow

In conclusione, i partecipanti alla conferenza sono stati concordi sul fatto che la musica in tutti i suoi aspetti – ma, soprattutto, la musica contemporanea dal vivo – rappresenti una componente essenziale della diversità artistica, culturale ed economica.

Nel corso della conferenza, il Prof. Michow ha suggerito la creazione di un Think Tank europeo per l’industria musicale. “Una parte delle sovvenzioni dell’UE viene ripetutamente sprecata in costi quali, ad esempio in Germania, il pagamento dei contributi previdenziali degli artisti sugli onorari pagati da organizzatori nazionali per manifestazioni all’estero e da organizzatori esteri sugli onorari pagati in Germania, tasse discutibili come quella recentemente introdotta sulle attività, da applicare sugli affitti delle sale da parte dagli organizzatori, oltre a costi aggiuntivi per spese legali e di consulenza fiscale per potersi orientare nella giungla normativa. Si tratta, quindi, di discutere con urgenza l’ottimizzazione e l’armonizzazione del quadro giuridico”, ci fa notare il Prof. Michow. Secondo quest’ultimo, ogni paese europeo presenta simili singolarità, che differiscono notevolmente da paese a paese e rendono decisamente difficile un aumento di mobilità da parte degli artisti, così come auspicato dalla promozione culturale europea. “Nelle loro attività all’interno degli stati membri, gli artisti e i loro organizzatori si trovano difronte a una varietà di regolamenti e sistemi giuridici e, non di rado, finiscono in insidie estremamente dispendiose” conclude il presidente dell’associazione.

Per ulteriori informazioni, contattare: 

Bundesverband der Konzert- und Veranstaltungswirtschaft (BDKV) i.G. 
Lenhartzstraße 15 – 20249 Amburgo, Germania 
Telefono 040-460 50 28 – Fax 040-48 44 44 43 
www.bdkv.de •info@bdkv.de