Log in
A+ A A-

redazione

Spagna, la maggioranza dei biglietti rivenduta per profitto

In Spagna i biglietti sul mercato secondario sono rivenduti al 69 per cento per un profitto. Lo rivela un sondaggio di Ticketea, un servizio di biglietteria self service, fra 12 mila persone.

Nel frattempo, anche in Spagna si chiede di regolare il mercato secondario, anche per varie frodi nei confronti dei consumatori. La Anti-Resale Alliance, inoltre, è stata fondata proprio per contrastare il bagarinaggio.

Nel sondaggio, il 55 per cento ha dichiarato di essere contrario a un bando totale, ma il 67 per cento ha spiegato di volere un tetto del 10 per cento al massimo sul valore del biglietto.

Ansa: Addio a Paolo Limiti Autore di tante canzoni, una lunga collaborazione con Mina

E' morto a Milano il conduttore tv e paroliere Paolo Limiti, 77 anni. Colpito un anno fa da una grave malattia, Limiti si è spento nella sua casa milanese. Era nato a Milano l'8 maggio del 1940. Come paroliere collaborò soprattutto con Mina per la quale scrisse canzoni di grande successo come Bugiardo e incosciente o La voce del silenzio. Era stato sposato con Justine Mattera. Grande divulgatore, amante del nazional popolare, è stato un protagonista della tv.

La sua collaborazione con la rai era cominciata nel 1968 grazie a Luciano Rispoli. Come paroliere ha lavorato con tutte le star italiane della canzone dalla Vanoni a Jula De Palma, Dionne Warwick, Donovan, Peppino di Capri, Loretta Goggi, Mia Martina, Al Bano e Romina Power e tanti altri.

Il Mattino: Parte da Ravello il progetto di una legge per la musica

Parte da Ravello, città della musica, nel giorno della Festa della musica, il cammino della legge per la musica che la Regione Campania, pungolata dalla Campania Music Commission, sembra volersi dare.

Con il presidente della Fondazione Ravello, e consigliere del governatore De Luca Sebastiano Maffettone, a tirare le fila del progetto, il presidente della Cmc Ferdinando Tozzi ha messo insieme istituzioni culturali e industria musicale. Se, infatti, l’assessore alle Attività produttive Amedeo Lepore – in assenza di un assessore allo Spettacolo – ha annunciato la sua disponibilità a portare la suddetta legge in giunta e in consiglio; se Pier Luigi Petrillo, capo ufficio legislativo di De Luca, e Rosanna Romano, direttore generale per le Politiche sociali e culturali della regione, hanno ipotizzato snodi legali e amministrativi del percorso da compiere, indicazioni sulle prime necessità – puntare sui giovani talenti, evitare finanziamenti a pioggia, la necessità di un interlocutore unico e certo, la scommessa sugli archivi digitali, in particolar modo della canzone napoletana, aperti alla consultazione anche in rete, la disponibilità di spazi per I concerti, dal San Paolo a Pompei passando per un’arena coperta da oltre diecimila posti che al momento non esiste – sono venute in maniera concreta da Enzo Mazza, presidente della Fimi, la confindustria del disco; multinazionali come Sony (Alfredo Clarizia) e Warner (Filippo Pardini); il presidente di Assomusica, gli organizzatori di concerti, Vincenzo Spera, I rappresentanti delle etichette indipendenti Mario Limongelli Presidente (Pmi) e Giordano Sangiorgi (Audiocoop); Andrea Micchichè (Nuovo Imaie); Vittorio Ragonesi (delegato MiBACT presso il consiglio dell’UE per il diritto d’autore); Paolo Del Vecchio (Agcom); Maria Letizia Bixio (gruppo editoriale Bixio). E ancora, a volare alto, moderati da Federico Vacalebre, Paolo Pinamonti del San Carlo, Genoveffa Tortora e Pina de Luca dell’università di Salerno, Pierpaolo Forte della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Giorgio Ventre della Federico II, Pasquale Scialò del Suor Orsola Benincasa, Eugenio Ottieri dell’Agis.

Corriere Bologna: Al lavoro Anci e Assomusica – Un protocollo per i lavoratori del settore

 

Un protocollo per i lavoratori del settore dello spettacolo e della musica dal vivo «in modo da riconoscere un’importanza a delle professionalità che spesso non vengono salvaguardate». Ad annunciarlo è Vincenzo Spera, presidente di Assomusica, che sta lavorando al documento insieme all’Anci Emilia-Romagna. «Si tratterebbe della regione apripista per fare un ragonamento importante sugli eventi e la loro organizzazione – commenta Spera – prendendo in considerazione la sicurezza dei lavortori, spesso sottovalutata. Episodi come quello di Torino accaduto per la Champions League fanno riflettere».

Per i Millennial gli spettacoli si scelgono anche con criteri "morali"

Per i millennial, la generazione fra i 18 e i 34 anni, assistere a uno spettacolo dal vivo significa più del semplice intrattenimento.

Secondo una ricerca di Eventbrite nel Regno Unito, questa fascia di età ha un più forte senso morale e sceglie gli show anche sulla base di quello che rappresentano. A scegliere la musica dal vivo nel corso dei 12 mesi appena trascorsi è stato il 49 per cento dei millennial, ma fra di loro il 69 per cento dichiara di voler dimostrare, tramite la presenza a un concerto, in che cosa si crede. In effetti, il 78 per cento spiega di preferire gli artisti che portano a un cambiamento positivo nella società.

 

Il 20 per cento, inoltre, ha scelto un evento benefico. Anche negli Stati Uniti un sondaggio simile ha sottolineato che il clima politico sta portando gli americani a un maggior desiderio di connessione fra di loro. 

 

Giornale di Sicilia: Assomusica, la forza della musica live

Una ricerca del Cerved, commissionata da Assomusica, ha evidenziato la crescita del settore della musica dal vivo che nel 2015 ha registrato un fatturato di 690 milioni di euro (+7,8 per cento rispetto all'anno precedente) e una previsione stimata per il 2016 di 750 milioni, con una nuova crescita dell'8.7 per cento.

Considerevoli, infine, i dati sull'occupazione: su un campione di 204 imprese si registrano 1.600 unità. Prendendo in considerazione le 68 imprese di servizi, i numeri sono molto più alti: 2600 addetti. 

I dati confermano che il settore funziona ed è molto apprezzato non solo dalle nuove generazioni ma da persone di tutte le età.

Las Vegas, a luglio l'evento dedicato ai professionisti del ticketing

A Las Vegas a luglio si svolgerà il Ticket Summit, l'evento dedicato ai professionisti del mondo del ticketing. 

L'evento partirà l'11 luglio e si svolgeranno sia incontri di networking che sessioni in cui vengono spiegate tematiche inerenti.

Ridurre le frodi online è uno degli argomenti più gettonati, ma si parlerà anche di applicazioni mobili. Anche i trend nell'industria saranno approfonditi, mentre una tematica più nuova è quella del baratto.

L'evento si svolgerà all'hotel Venetian 

Truffati i fan di Robbie Williams, chiuso un sito di biglietti fraudolento

E' stato chiuso un sito fraudolento, Goticketsuk.com, che aveva venduto biglietti fasulli per i concerti, fra gli altri, di Robbie Williams e Rod Stewart. 

Con l'avvicinarsi degli eventi, ai fan è stato comunicato che i biglietti non potevano essere spediti.

La National Fraud Intelligence Bureau (NFIB) aveva fatto sapere in un rapporto che le frodi nel Regno Unito sono aumentate del 55 per cento nel 2015. 

Rock am Ring, un errore di spelling ha causato l'evacuazione

I problemi al festival Rock am Ring potrebbero essere dovuti a un errore di grafia. La polizia ha infatti spiegato che a costringere all'evacuazione dalla prima giornata del festival potrebbe essere stata la presenza di uno steward di origine siriana il cui nome era stato scritto male. 

La disattenzione ha fatto sì che il nome non sia stato trovato in lista e quindi abbia insospettito la polizia, in un momento di grande controllo su possibili attacchi terroristici.

Il ministro degli interni dello stato in cui si trova il Nuerburgring, famoso anche come circuito da corsa, ha deciso che serviranno le fotografie dello staff, oltre ai nomi. 

In Norvegia forte il mercato dei festival

Il mercato dei festival è molto forte in Norvegia: sei norvegesi su dieci hanno infatti assistito a un concerto nel 2016.

Il 22 per cento ha inoltre spiegato nel sondaggio Norsk Kulturbarometer , sulla cultura norvegese, di essere "molto interessato" nella musica. I concerti sono così diventati più popolari di eventi sportivi, teatro, musei e gallerie d'arte. 

L'esplosione dei festival, specifica il rapporto, è avvenuta negli anni 2000 e il valore della musica live è salito a 440 milioni di dollari nel 2015.

Subscribe to this RSS feed