Log in

 facebook 

A+ A A-

SULLA NAVE CHE BALLA LA CROCIERA è ELETTRO DANCE

Genova - Lupi di mare contemporanei solcano onde sonore, interpellando la consolle per trovare la strada giusta per il divertimento. La nuova frontiera dei party è in crociera: Sven Väth, Dixon, Jamie Jones, Ben Klock, Damian Lazarus, Guy Gerber, Magda, Adriatique, Mathew Jonson, dj Tennis, Sonja Moonear, Tini e tantissimi altri, per un totale di 66 dj di livello mondiale, con musica 24 ore su 24 divisa su tre palchi per cinque giorni consecutivi.

La più grande crociera di musica elettronica d’Europa salperà dal porto di Genova il 16 settembre. E c’è chi, nel settore, l’ha già ribattezzato l’“evento dell’anno”.

Sarà la nave Msc Magnifica a ospitare la Mdrny Cruise organizzata da Modernity Events, staff svizzero nato nel 2008. «Facendo leva sulle strette relazioni che abbiamo creato con i dj che abbiamo ospitato nei nostri eventi Mdrnty e al Caprices Festival, abbiamo voluto offrire un palcoscenico inedito a questi artisti» racconta Maxime Léonard, direttore di Mdrnty Cruise «è una crociera pioneristica, non si è ma visto nulla di simile».

 

Dopo essere partita dal porto ligure, la “nave che balla” farà rotta su Barcellona. Poi verranno toccate le Baleari, con fermate a Palma di Maiorca e a Ibiza, per poi tornare nella città della Lanterna.

Il tutto per un costo base di 729 euro comprensivo di crociera, party, sistemazione, cibo, bevande, drink e tasse.

Il pacchetto offre tutta una serie di attività extra pensate per rendere magica l’esperienza: dalle sale relax al fitness, passando per esibizioni di arte contemporanea e performance artistiche e tecnologiche. Un tuffo in piscina e anche nella cultura a 360°.

«Sì, ma il costo è un salasso», commenta un ragazzo su Facebook. In molti non sembrano pensarla così: «Si ha l’occasione di fare una vacanza e di ascoltare i più grandi dj in circolazione tutti insieme. Sto già mettendo i soldi da parte lavorando come barista», risponde un giovane tedesco.

E giù, pioggia di like, che si aggiungono ai già oltre 6.000 interessati all’appuntamento. Insomma, addio alle vacanze d’agosto, meglio mettere fieno in cascina e salpare al momento giusto. L’idea alla base del format è proprio quella di trasformare la nave in un grande festival itinerante, una nuova frontiera del divertimento che affonda le radici nelle Groove Cruise. Si tratta di crociere famose in tutto il mondo, in partenza da Miami, che ospitano dj, concerti, esibizioni e spettacoli di alto livello, con lo scopo di far vivere al proprio pubblico un evento esclusivo, capace di calamitare migliaia di turisti.

Ma in Italia quanto è diffuso il fenomeno? «Si è tentato qualche esperimento, ma nulla di significativo, l’appuntamento targato Mdrnty sarà unico, hanno una disponibilità economica di base mostruosa» racconta Lorenzo Prini di Haze «anche noi abbiamo il nostro format, si chiama “Belin che Ibiza”, è in sinergia con Grandi Navi Veloci: si tratta di una crociera con musica elettronica dal primo al 5 ottobre, sempre in partenza da Genova, in cui abbiamo coinvolto il meglio della scena underground italiana».

Oltre 50 collettivi chiamati a raccolta, 20 dj pronti a infiammare la pista interna e quella esterna. Ci sono diversi pacchetti, il prezzo base è di 350 euro.

«Cinque giorni e quattro notti di puro divertimento: party a bordo, feste in piscina, giochi, show dal vivo, tappe turistiche e gran finale in alcuni dei locali più esclusivi di Ibiza», anticipa Prini. È stata proprio l’azienda genovese Haze, fondata dai giovani Prini, Gregorio Rossi e Filippo Anania, la primissima in Italia a puntare sul format dei party in nave, ormai da più di un anno. «Abbiamo organizzato “Belin che crew”, con partenza alla sera e ritorno all’alba, che si è rivelato un successo nazionale» conclude Prini «ispirati dall’estero abbiamo acceso i riflettori sulla nostra città, che quest’anno sarà la capitale europea di questo nuovo fenomeno capace di rivoluzionare il mercato dell’intrattenimento. Questi party sono il futuro perché coniugano musica, viaggio e turismo».

Fonte: Il Secolo.it